PERDONARE NOI STESSI E GLI ALTRI. LASCIARE ANDARE.

Definizione di PERDONO secondo Wikipedia: “cessazione del sentimento di risentimento nei confronti di un’altra persona; è quindi un gesto umanitario con cui, vincendo il rancore, si rinuncia a ogni forma di rivalsa di punizione o di vendetta nei confronti di un offensore.”

PER – DONO: L’etimologia ci indica come lo si fa per donare, per rilasciare.

Perdonare non è facile perchè spesso ci sentiamo offesi e in piena ragione nei confronti dell altro. Si accende in noi quell’orgoglio naturale per il quale non chiederemo mai scusa. O ancora, i motivi  dell’offesa possono esistere ed esser evidenti e ci hanno veramente ferito. 
In casi meno gravi, ad esempio con il partner, con familiari o amici, noi preferiamo aspettare che sia l altro a dirci scusa, che ammetta le proprie colpe o restiamo ancorati al nostro ego orgoglioso che non vuole abbassarsi a tanto. Ti è mai capitato?
Eppure cosi facendo mantieni un rancore, una rabbia e dei pensieri tali che ti abbassano energeticamente, ti rendono tristi ed appesantiscono il tuo animo.
Oltre all’ offesa o danno ricevuto, dentro di te trattieni anche del veleno che bolle praticamente per tutto il resto della tua vita finchè non deciderai di “lasciare andare.” Queste nuove emozioni negative con il tempo potrebbero cristalizzarsi causandoti malattie o problemi psico-fisici.

Perdonare è innanzitutto un dono che facciamo a noi stessi, poi agli altri e quindi alla nostra vita nella sua totalità. Il miglior investimento per la nostra felicità.

perdonare-lasciare-andare-keep-calm-amati

LASCIARE ANDARE

Potrebbe essere che la persona che ti ha ferito, non sia più in vita, sia distante o tu non abbia più rapporti con essa.
Ecco che in questi casi è utile imparare a “lasciare andare” quelle emozioni che ti incatenano a quell ormai passato evento.
In ogni caso, farlo è importantissimo.
Lasciare andare, le fasi:

  • Vivi nel presente, nel qui e ora. Razionalizza che tutto è passato, è già accaduto e che ora in questo momento esiste solo la TUA presenza vigile, contornata dalla voglia di toglierti questo peso interiore per tornare ad essere felice.
  • Perdonare quella parte di noi stessi che per tanto tempo ha trattenuto il dolore e quelle acide emozioni. Dopotutto è stata una naturale e spontanea reazione al dolore ricevuto, chiamiamola una difesa della tua parte interiore. Lasciar andare dentro di te, ti aiuterà a far svanire anche l’orgoglio e ti abituerà a superare quella eventuale vergogna nel parlare con l altro.
  • Vedi staccata la persona dalla sua azione che ti ha ferito. Noi tutti siamo ben più di un comportamento o di un’azione. Quest’ ultime possono a volte esser sbagliate certo, chi non commette errori nella vita? Chi sa farsi un esame di coscienza, noterà che da questi errori si può solo che imparare e migliorare. Questo non vale solo nei tuoi stessi confronti, ma anche per gli altri.
  • Prendere atto che è giunto il momento di liberare il cuore da pesi passati, prendere le nostre adulte responsabilità e invitare l’altra persona a parlare.
    Il momento giusto se lo si aspetta non arriverà mai. Il momento giusto è ORA, nel presente.
  • Perdonare e fare tesoro dell’esperienza. Farà in modo che non accadranno più nella tua vita situazioni dolorose simili.
  • Apriti ad una nuova vita. Ora quell’energia che era bloccata da tempo, potrà esser riutilizzata per un uso consapevole e sarai al 100% te stesso. Ascoltati e fidati della tua parte profonda.
  • Ringrazia te stesso per il coraggio che hai avuto, ringrazia te stesso per questa opportunità di crescita ed infine ringrazia l’altra persona che cosi facendo ti ha messo in condizione di migliorarti e crescere.

 perdonare-lasciare-andare-vittoria-liberta

COSA RENDE DIFFICILE PERDONARE:

  • Vedere da fuori la situazionecapire in quanta percentuale risiede la tua colpa. Vedere la situazione nella sua totalità e con distacco non è una cosa facile. E’ più semplice vederla col tempo a freddo e meditandoci su.
  • Pensare che lo stai facendo per l altro. Sbagliato, ricorda che lo fai innanzitutto per te stesso. Lo fai per tornare a vivere leggero e senza emozioni negative per il resto della tua vita.
  • Aspettare che sia l’altro a farlo per primo. Così facendo dai nelle sue mani il potere del tuo benessere. Prendi tu stesso ora il controllo della tua vita.
  • Pensare di dover provare emozioni positive nei suoi confronti. Non è detto. Certo potrai comunque provare compassione ma l’importante è l’intenzione di lasciare andare.
  • Pensare che perdonando, ciò che ci ha fatto l altro andava bene. Sbagliato!
    Anzi, lui si sentirà piccolo d’innanzi al tuo enorme gesto d’amore e di compassione. Perdonare significa che tu vuoi tagliare con ciò che ti rende ancora collegato al passato e tramuti le emozioni negative in energia da riutilizzare.
  • Voler capire il perchè delle azioni dell’altro. Potrebbe essere che ti scervelleresti inutilmente. La mente razionale non interpellarla nel processo di per-dono.

 

VANTAGGI DEL PERDONARE:

  • Pressione più stabile,
  • Riduzione significativa dello stress e rabbia,
  • Battito cardiaco regolare,
  • Abbassa il rischio di abusare di alcool o altre droghe,
  • Riduzione di dolori cronici,
  • Più amicizie e relazioni più sane,
  • Benessere immediato,
  • Senso di leggerezza immediato,
  • Evoluzione nella spiritualità.

Quando avrai perdonato, quando sarai riuscito a lasciare andare, chiediti:

  • Cosa posso imparare da questa situazione?
  • Perché era capitato proprio a me?
  • Che ruolo aveva ed ha quella persona nella mia vita?
  • Ho avuto altri litigi con differenti persone ma per lo stesso motivo?

Clicca qui per scaricare la MEDITAZIONE che ti guiderà al per-dono consapevole.

Hai mai perdonato te stesso e gli altri per qualche ferita ricevuta? Ti sei aperto a questa magica medicina che è il per-dono?
Hai altri consigli da lasciare per chi sta provando a lasciar andare qualche brutto ricordo?
Scrivilo qui sotto nei commenti e condivido l’articolo se pensi potrà aiutare altre persone 🙂 Grazie.


“Trattenere la rabbia è come bere del veleno sperando che l’altra persona muoia.”
ANONIMO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.